Semi Giovanni, “Gentrification. Tutte le città come Disneyland?”

Edito da Il Mulino, Bologna, 2015, 237 p.

Le transumanze notturne verso i luoghi della movida, le feste di strada, i mercati all’aperto itineranti, tutto quell’insieme di effervescenze che fanno sembrare una città vivace e dinamica sono ormai parte della cultura urbana. Ma quello che fa di un quartiere una meta turistica glamour è spesso frutto di una “artificiosa” riqualificazione che consiste nel risanamento, il più delle volte con interventi di speculazione immobiliare, di aree popolari e nell’espulsione degli abitanti originari, a favore di classi più agiate (la gentry per l’appunto). Vasti tessuti sociali vengono così lacerati per far posto ad un fiorire di negozi vintage, birrerie artigianali, pasticcerie siciliane a fianco di marchi transnazionali, in un panorama eclettico ma senza memoria.

Link Download: https://mega.nz/file/qAoA3CIR#Dvrizv3cBmTFUCQo403yepApybS3LwOzzK7q2RgIS5Q

Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.