Uniti contro la repressione Lotta al capitalismo, al carcere e al 41bis

Luglio 2012, 8 p.

Ogni edificio ha il suo pilastro e ogni pilastro funziona, in sé, come un edificio e dunque necessita, a sua volta, di un pilastro. Il pilastro dell’edificio della società capitalista, basata sullo sfrutta­mento di una classe sulle altre, è lo Stato. Senza Stato, potere coercitivo, organizzato ed egemonico di una classe sulle altre, que­sta società non sta in piedi. A sua volta, il pilastro del potere dello Stato è, in ultima e concreta analisi, il carcere, ovvero la struttura coercitiva ove rinchiudere co­loro i quali violano le norme dello Stato o addirittura ne combattono i fondamenti, facendoli sparire dalla normalità dei rapporti sociali sui quali lo Stato è, per l’appunto, chiamato a vegliare. A sua volta, il pilastro del carcere è il regime d’isolamento, ove il prigioniero viene fatto sparire non solo dalla società, ma si tende a farlo sparire dallo stesso carcere, attraverso il massimo della coercizione. Il regime d’isolamento ha funzione di doppio pilastro, sia rispetto al carcere come struttura coercitiva di classe, sia per la società, poiché naturalmente esso colpisce quando è necessarìo rafforzare la tenuta di entrambi e anche nei confronti di chi, come i rivoluzionari prigionierì, ha combattuto e resistito a entrambi. In Italia, il regime d’isolamento è istituito e regolato dall’articolo 41 bis dell’ordinamento penitenziario.

Link Download: https://mega.nz/file/jB4gDRgZ#Fos_OTTzms6om5MCDmEuDGigj4gm0As92IGAfFu4y60

Questa voce è stata pubblicata in Brouchure e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.