Berneri Camillo, “Gli eroi guerreschi come grandi criminali”

Edito da Edizioni Archivio Famiglia Berneri, Pistoia, 1987, 38 p.

Prefazione di Camillo Berneri
Occorre buttare di sella l’Eroe guerresco, rompendo i cartelloni della storiografia convenzionale. Le mie sassate sa­ranno un po’ imbottite di erudizione, ma spero che non rim­balzeranno contro di me.
Metterò in soffitta l’elmo di Marte. Se l’Eroe guerresco non sfolgorerà in questo mio studio la sua fragorosa e lu­cente bellezza; se l’ingenuità epica dei popoli e gli orpelli dei poeti e dei retori non saranno accolti da me, non sarà per partito preso. È evidente che gli Eroi della guerra sono per due terzi i profittatori dell’azione delle milizie, delle cir­costanze, del caso. È evidente che l’eroe guerresco o è una figura retorica che ricopre il coraggio della paura o il divam­pare di bassi istinti, di malvagie depravate voglie, o è guer­resco soltanto per le circostanze nelle quali si effettua. È evidente, infine, che la guerra dei tempi nostri è scienza e non arte, che ha soldati (operai) e non guerrieri (artigiani). Combattere i miti della guerra vale combattere Carlyle, cioè la storiografia come romantica serie di grandi biografie; ma la guerra nella sua mandrillesca nudità; chiarire che cosa sia il coraggio.

Link Download: https://mega.nz/file/DdZkGR6R#Mc0I3YuQQScYo4SdTa_cvJP0sqSi7Wv7dEeTRnYt8A8

Si ringrazia Gianpiero per la reperibilità del testo

Nota dell’Archivio
-Nell’introduzione di questo opuscolo, Aurelio Chessa, curatore dell’Archivio Famiglia Berneri, raccolse alcuni articoli di Berneri inerenti alla guerra e agli eroi guerreschi.
“Questo suo studio,” scrive Chessa, “fatto nel giro di alcuni anni, doveva sbocciare in un libro dal titolo « Gli eroi ».”
Gli articoli raccolti sono i seguenti:
–“Gli eroi della guerra,”,« Fede! », Roma, a. III, n. 92 del 26-10-1925;
–“Gli eroi guerreschi come grandi criminiali, « Il Monito » di Parigi, a. III, n. 14 del 30-7-1927 e n. 16 del 4-9-1927;
–“L’eroismo degli eserciti moderni”, « Germinal » di Chicago, a. III, n. 13 del 1-7-1928;
–“La delinquenza collettiva della guerra,” « Germinal » di Chicago, a. III, n. 16 del 1-7-1928 e ripubblicato su « L’Adunata dei Refrattari » di New York, a. XVIII, n. 47 del 9-12-1939.

Questa voce è stata pubblicata in opuscoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.