Baj Enrico, Virilio Paul, “Discorso sull’orrore dell’arte”

Edito da Eleuthera, Milano, 2002, 78 p.

L’orrore dell’arte è l’orrore che l’arte contemporanea prova per se stessa oppure è l’orrore che produce nel pubblico? Baj, pittore, e Virilio, urbanista, si interrogano reciprocamente sullo statuto e la percezione dell’arte e dei luoghi che la ospitano e la espongono. Il destino attuale dell’arte, la sua evoluzione, sembrano essere una delle dimensioni privilegiate per cogliere l’atmosfera dei tempi, anzi il mercato dell’arte ha preannunciato la new economy e molte altre virtualità. Nella maniera di rapportarsi all’arte si è prodotto una sorta di plusvalore che è divenuto talmente importante da rendere impossibile una critica seria. La critica diventa pettegolezzo e celebrazione, mentre l’opera d’arte diventa un’icona di se stessa, priva di un significato intrinseco in quanto ridotta a macchina per produrre pseudo-filosofie, pseudo-estetiche, pseudo-problematiche.

Link Download: https://mega.nz/file/iVJkHIgB#G51lgG_SxOgUKbdcOLXAF_riwxcZBnMqFEAvVH2lylg

Nota dell’Archivio
-I testi in corsivo sono di Enrico Baj, i testi in tondo di Paul Virilio

Questa voce è stata pubblicata in opuscoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.